La legge stabilisce come requisito essenziale la stipula di una polizza incendio e scoppio, prima che la banca conceda un mutuo per l’acquisto di un immobile. Quando stai acquistando una casa, la cosa più importante cui devi pensare è a garantire l’immobile stesso da eventuali danni, proprio perché in caso di incidente parziale o totale, perderesti l’immobile. Vi sono alcune polizze che, per le loro caratteristiche non sono accettate da tutte le banche, perché non corrispondono in modo adeguato alle garanzie richieste.

Quando una polizza incendio e scoppio viene stipulata da una Compagnia primaria, ottiene l’approvazione di qualsiasi istituto di credito, ciò non avviene quando la polizza non contiene tutti i vincoli e le garanzie che la banca richiede, ed è stipulata da una Compagnia italiana non primaria. Le compagnie assicuratrici italiane che operano nel campo sono diverse, e tutelano principalmente chi stipula la polizza, infatti, potrebbero nascere malintesi sulle diciture riportate nella polizza stessa o nelle appendici.

Infatti, nella stipula di una polizza incendio e scoppio per accendere un mutuo è di fondamentale importanza il valore che si va ad assicurare, il quale non dovrebbe essere l’importo totale del mutuo, oppure il valore della casa, ma il costo dell’eventuale danno. Esempio – Se ti viene erogato un mutuo di 120 mila euro e il costo dell’intero immobile è 200 mila, la polizza coprirà il valore di ricostruzione a nuovo.

Se invece l’immobile subisce un danno pari a 50 mila euro, la Compagnia assicurativa risarcirà solo ed esclusivamente quella somma. Per questo motivo è consigliabile stipulare una polizza a primo rischio assoluto e non assicurare il valore intero dell’immobile; nel primo caso, infatti, la compagnia risarcisce l’intero costo di ricostruzione totale o parziale, in poche parole, l’immobile ritornerà esattamente come prima dopo i lavori, e la compagnia risarcisce quei costi, il secondo caso sarebbe un caso dubbio, perché bisognerebbe stabilire un valore esatto, mentre, esiste il valore commerciale di un immobile, quello catastale, il costo reale sostenuto per l’acquisto dell’immobile.

in quel preciso anno e così via. In caso di danno anche grave, il risarcimento andrà corrisposto al contraente che dovrà provvedere alla ricostruzione parziale o totale dell’immobile, senza che la banca subisca alcuna perdita economica. Per questo e per altri motivi, nelle polizze troverai l’elenco delle garanzie, ma anche i massimali di spesa per ciascun evento che possa verificarsi.

Questo è uno dei tanti motivi, per i quali bisogna rivolgersi ai professionisti del settore assicurativo, nello specifico alle agenzie d’assicurazione, che normalmente offrono un ventaglio di soluzioni di varie compagnie operanti nel settore, e non alle banche, il cui unico interesse è quello di riavere l’importo del mutuo erogato e incassare provvigioni sulla stipula delle polizze.

Se riesci, con l’ausilio di un agente a stipulare una polizza completa, che contempli più rischi, quest’ultima oltre a garantire il mutuo e la sua eventuale estinzione, potrà coprire tutti gli altri imprevisti, che potrebbero rappresentare per te un danno ulteriore. Se non operi nel settore e non hai mai stipulato una polizza per un mutuo, difficilmente sarai portato a pensare ai tanti rischi che la tua abitazione potrebbe subire. Fortunatamente chi opera nel settore ha già tutte le soluzioni, che coprono ogni eventualità.

Scopri la polizza incendio e scoppio di Oltre

Oltre - Assicurazioni VelletriOltre - Assicurazioni VelletriOltre - Assicurazioni VelletriOltre - Assicurazioni Velletri